Home Agenda Piante per il giardino italiano, 2° ciclo de Le Giornate di Studi di Orticola 2017-2020
Piante per il giardino italiano, 2° ciclo de Le Giornate di Studi di Orticola 2017-2020

Piante per il giardino italiano, 2° ciclo de Le Giornate di Studi di Orticola 2017-2020

55
0

Il ciclo delle Giornate di Studi di Orticola di Lombardia, già sperimentato nel quadriennio 2012-2015, ritorna per continuare a raccontare la cultura delle piante e dei giardini al pubblico di appassionati.

Il tema del nuovo ciclo d’incontri, iniziato già nel 2017, ha come titolo “Piante per il giardino italiano” e il tema dell’edizione 2018 anticipa quello della Mostra di maggio, tutto ancora da scoprire, per raccontare come alla base dei lavori che coinvolgono piante e giardini ci sia sempre la passione e il piacere: dedicarsi alla natura, prendersi cura di altri esseri viventi, collezionare rarità, impegnarsi in attività difficili o faticose, ma di grandissima soddisfazione, dove il giardino diventa anche un luogo di divertimento, appagamento e benessere.

Saranno presenti relatori di grande spessore e interesse culturale e botanico, a cominciare da Umberto Pasti che parlerà del suo impegno per mettere in salvo le piante minacciate nel Nord del Marocco, oppure storici protagonisti della mostra mercato Orticola, come Beatrice Consonni, straordinaria coltivatrice di specie rare di alberi e arbusti; numerosi anche i giardinieri e i collezionisti, ospite d’eccezione Louis Benech, il grande paesaggista francese che illustrerà le piante che predilige impiegare nel suo lavoro.

Questa seconda edizione intende proporre nuove modalità di comunicazione: se da un lato il carattere multidisciplinare degli interventi rimane una caratteristica precipua, dall’altro si cercherà di dare sempre maggior voce ai coltivatori, ai vivaisti e ai collezionisti con un’impostazione meno formale, spesso con il sostegno di contributi video.

Claudia Perolari Claudia Perolari è dal 2006 redattrice di Lineaverde, il periodico mensile da 44 anni leader nel settore del vivaismo e del verde pubblico.