Home Attualità Marchio VivaiFiori: presentato il Disciplinare di Qualità per la filiera florovivaistica
Marchio VivaiFiori: presentato il Disciplinare di Qualità per la filiera florovivaistica

Marchio VivaiFiori: presentato il Disciplinare di Qualità per la filiera florovivaistica

75
0

L’incontro, organizzato dall’Associazione Nazionale di tutela del Marchio VivaiFiori, ha avuto come obiettivo quello di presentare a tecnici e aziende il nuovo Disciplinare, recentemente approvato, rivolto a tutti gli operatori della filiera florovivaistica.

 

L’incontro, organizzato dall’Associazione Nazionale di tutela del Marchio VivaiFiori, ha avuto come obiettivo quello di presentare a tecnici e aziende il nuovo Disciplinare, recentemente approvato, rivolto a tutti gli operatori della filiera florovivaistica.

 

L’evento, moderato dal rappresentante del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Renato Ferretti, si è aperto con una riflessione sull’importanza della qualificazione e riconoscimento all’estero delle aziende italiane attraverso una certificazione di processo. Una certificazione che, aggiunge, guardando al “Piano nazionale di ripresa e resilienza” risulta perfettamente in linea con gli obiettivi di riqualificazione degli ambienti urbani promossi dal programma finanziario Next Generation UE.

 

Ha proseguito nei saluti istituzionali Giulio Lotti, Presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Pistoia, il quale ha riconosciuto l’importanza ma soprattutto la necessità di una certificazione di qualità in una Provincia che storicamente rappresenta uno dei poli di produzione florovivaistica più attivi d’Italia.

 

In seguito si è tenuto l’intervento del Presidente dell’Associazione Nazionale di tutela del Marchio VivaiFiori, Marco Cappellini il quale, ringraziando i relatori presenti, ha esposto una dettagliata panoramica sulla storia del Marchio, dalla nascita voluta dai componenti del Tavolo tecnico del settore florovivaistico coordinato   del Mipaaf all’assetto organizzativo attuale composto da Segreteria Generale, Comitato Tecnico, e  Albo di Auditor interni. Cappellini ha proseguito descrivendo il “campo di applicazione” che vede il Disciplinare rivolto a Produttori, Manutentori del verde e Centri di Giardinaggio, dunque all’interna filiera; inoltre ha illustrato gli obiettivi di crescita che l’Associazione sta portando avanti come l’accreditamento del Disciplinare, la registrazione del Marchio collettivo di certificazione e l’ampliamento della base sociale.

 

Gianni Cramarossa, area manager dell’Ente terzo di certificazione Certiquality è intervenuto sottolineando come la collaborazione con l’Associazione, seppur avviata da pochissimi mesi, ha già portato a moltissimi risultati frutto di un lavoro comune di confronto e dialogo.

 

Edoardo Sciutti, Segretario dell’Associazione VivaiFiori ha poi illustrato dettagliatamente il nuovo Disciplinare, esponendo a tecnici, agronomi e aziende i requisiti della check list suddivisi in diverse macro sezioni:

  • Agrofarmaci e Sostanze chimiche, Protezione dell’Ambiente, coltivazione e igiene fitosanitaria per il modulo “Produttori”.
  • Sistemi di produzione e vendita delle piante e Sistemi di gestione delle aree commerciali, per il modulo “Centri di Giardinaggio”.
  • Documenti di preverifica per il modulo “Manutentori del Verde”.

Il Presidente Cappellini esprime così la sua soddisfazione: “La certificazione VivaiFiori è una realtà che si sta sviluppando in modo concreto. Le aziende sono molto interessate e questo seminario, ricco di contenuti e con oltre 150 partecipanti, è la dimostrazione.  Vogliamo che il Marchio diventi il punto di riferimento della qualità florovivaistica e che sia accessibile a tutte le figure professionali della filiera. In questo modo possiamo creare una vera e propria catena di custodia della qualità.