Home Agenda Flormart special edition 2022, prosegue la “road map”
Flormart special edition 2022, prosegue  la “road map”

Flormart special edition 2022, prosegue la “road map”

26
0

Una tappa fondamentale di questo percorso si toccherà venerdì 17 dicembre, alle Fiere di Parma con il convegno “Green Agorà. Flormart fa rete: il ruolo del verde nella città del futuro” moderato dal Direttore Editoriale di Lineaverde Renato Ferretti.

 

Prosegue la “road map” verso “Flormart special edition” in programma a PadovaHall dal 9 all’11 febbraio 2022. Lo storico salone del verde si appresta infatti ad accogliere espositori e buyer internazionali per un appuntamento finalizzato a valorizzare le migliori produzioni italiane nel florovivaismo ornamentale.

 

Una tappa fondamentale di questo percorso si toccherà il prossimo venerdì 17 dicembre, fra le 10.30 e le 17.30, alle Fiere di Parma (che da quest’anno gestiscono il Flormart) con il convegno “Green Agorà. Flormart fa rete: il ruolo del verde nella città del futuro”: un evento, moderato dal Direttore Editoriale di Lineaverde Renato Ferretti, che permetterà di visitare la città del domani. E sarà una città verde: con tanti alberi lungo le strade, siepi, tetti verdi, piante rampicanti sulle facciate, ampi parchi e giardini commestibili.

 

Saranno due i progetti al centro della giornata, cofinanziati entrambi dall’Unione Europea, che renderanno questa visione molto concreta e tangibile. Il primo è il progetto Life Urbangreen. Le città di Cracovia (Polonia) e Rimini, l’Università di Milano, l’azienda tecnologica ProGea 4D (Polonia) e R3GIS, che sviluppa la piattaforma di gestione degli spazi verdi GreenSpaces, hanno studiato e calcolato come gli alberi in città contribuiscano alla protezione e all’adattamento al cambiamento climatico e così al benessere dei cittadini. Ad esempio, è stata calcolata quanta energia viene risparmiata grazie agli alberi che raffrescano le strade e le piazze. Fra i relatori sono previsti Paolo Viskanic (Managing director di R3 GIS), Roberto Diolaiti (presidente dell’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini) e Alessio Fini (docente di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree presso l’Università degli studi di Milano).

 

L’aspetto innovativo di Life Urbangreen sta nel fatto che le informazioni raccolte sono disponibili online e tutti i cittadini possono accedere ai dati di circa 90.000 alberi, calcolati su base giornaliera e annuale. Le informazioni provengono dalla piattaforma GreenSpaces, che permette alle città di gestire i loro spazi verdi in modo più efficiente con strategie di pianificazione a lungo termine.

 

L’intervento a cura di Life Urbangreen sarà strutturato come un percorso concreto, che parte dal rilievo di un’area verde applicando il modello dati previsto dai Criteri Ambientali Minimi (CAM) 2020 per arrivare al caricamento su GreenSpaces dei dati raccolti, l’utilizzo per una gestione efficiente dell’area. Segue l’applicazione dei tool innovativi sviluppati nell’ambito del progetto Life Urbangreen per concludersi con il coinvolgimento dei cittadini tramite il portale pubblico.

 

Il secondo progetto coinvolto è “Green Cities Europe – Città verdi per un’Europa sostenibile” che è stato lanciato dall’ENA (Associazione Europea dei Vivaisti) e dalle associazioni vivaistiche di 13 paesi tra cui l’Italia con l’ANVE (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori). Il progetto consiste in una campagna di sensibilizzazione e promozione rivolta a politici, progettisti, amministrazioni e ad altri componenti del settore per promuovere una progettazione ecosostenibile delle città.

 

L’urbanizzazione e i cambiamenti climatici richiedono nuove soluzioni per mantenere e migliorare la qualità della vita nelle nostre città unendo servizi, arte e verde non soltanto nei centri storici ma anche in aree residenziali. Con questo progetto ogni anno vengono valorizzati gli spazi verdi che possono essere dei veri e propri esempi di riferimento per altre città europee, dando loro il premio “Green Cities Award”. In questa sessione fra i relatori Leonardo Capitanio (presidente dell’Associazione nazionale vivaisti esportatori), Sabrina Diamanti (presidente del Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali), Henk Raaijmakers (presidente dell’European Nurserystock Association), Ciro Degl’Innocenti (Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini), Novella Cappelletti (presidente di Paysage e componente della giuria di “Green Cities Award”). Richiesta anche la partecipazione dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci).

 

La giornata si concluderà con la presentazione del libro “VerdeCittà” a cura di Gianluca Burchi del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea) e con una breve presentazione dei contenuti e degli appuntamenti previsti a Flormart 2022.

 

“Green Agorà. Flormart fa rete: il ruolo del verde nella città del futuro” si terrà alle Fiere di Parma, sala Barilla. I posti sono limitati, è necessario prenotarsi QUI. Saranno riconosciuti i crediti formativi per gli iscritti all’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali.

 

Il programma GREEN AGORA (non definitivo)