Home Produzione Crisi della mimosa, tra restrizioni e fioritura precoce
Crisi della mimosa, tra restrizioni e fioritura precoce

Crisi della mimosa, tra restrizioni e fioritura precoce

41
0

Asproflor sottolinea le problematiche di quest’anno legate alla produzione e alla vendita della mimosa. Calo del 35-40% del fatturato per aziende, garden e fiorai.

 

Asproflor, associazione di produttori florovivaisti, osserva un crollo del mercato della mimosa: il calo si attesta al 35-40% del fatturato per aziende, garden e fiorai.

 

La diminuzione delle vendite di mimosa, valutata in riferimento al periodo precedente all’emergenza sanitaria in corso, deve essere compresa alla luce di due importanti fattori: la fioritura precoce della pianta stessa e la limitazione alla mobilità delle persone a causa delle restrizioni dettate dai DPCM. “Il calo delle vendite segue di pari passo la crisi di ristoranti, pizzerie, locali da ballo e altre strutture che sono impossibilitate a lavorare in questo momento” spiega l’associazione.

 

È inoltre necessario considerare anche il problema della fioritura precoce della mimosa: le condizioni climatiche attuali hanno obbligato i produttori a conservare nelle celle frigo il fiore già pronto sin dai primi giorni di febbraio, registrando così una fioritura anomala.

 

“Asproflor vuole dedicare quest’anno un bouquet di mimosa a tutte le donne che soffrono o sono state vittime delle violenze domestiche, alla donne che soffrono nei campi profughi, e a quelle che sono obbligate a fuggire dal proprio Paese” dichiara l’associazione.

 

Richieste, proposte e iniziative Asproflor

Il valore della produzione delle aziende florovivaistiche italiane rappresenta il 5% della produzione agricola totale: il 50% è rappresentato dal settore fiori e piante in vaso, il restante 50% da piante, alberi e arbusti destinati al vivaismo. L’ultimo censimento Istat ha registrato che in Italia sono circa 18 mila le aziende di produzione che si dedicano a fiori e piante in vaso, e più di 7 mila quelle attive nella produzione di piante per il vivaismo. “Sostenere il nostro settore è fondamentale – dichiara il presidente Asproflor Sergio Ferraro – Auspichiamo che la legge sul florovivaismo, ora in discussione al Senato, venga approvata al più presto. Sono necessarie attente politiche di sostegno e promozione, oltre ad una nuova consapevolezza e percezione dell’utilità del verde da parte del consumatore”.

 

In relazione all’emergenza sanitaria in corso, l’associazione invita i cittadini a frequentare parchi, giardini e aree verdi pubbliche, sempre osservando le norme stabilite per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus. Si tratta di luoghi utili per le attività di svago e di studio: “Sono molte le città che hanno ottenuto il Marchio di Qualità dell’Ambiente di Vita Comune Fiorito” conclude Sergio Ferraro. In questi giorni, infatti, avrà il via l’opportunità di iscriversi a due iniziative promosse da Asproflor: il “Marchio di Qualità dell’Ambiente di Vita Comune Fiorito” e “Vivere in un Comune Fiorito”.