Home Attualità Convegno ANVE: continuità istituzionale e servizi innovativi per i produttori
Convegno ANVE: continuità istituzionale e servizi innovativi per i produttori

Convegno ANVE: continuità istituzionale e servizi innovativi per i produttori

79
0

Il 1° giugno 2018, in occasione della X Giornata Nazionale del Vivaismo Mediterraneo a Monopoli (BA), si è tenuto il convegno nazionale “Assicurazioni agevolate multirischio sulle colture ornamentali. Opportunità di sviluppo per le imprese florovivaistiche”,  in cui sono state presentate le tante e interessanti opportunità per il settore florovivaistico legate alle polizze assicurative multirischio.

Sono intervenuti il presidente Capitanio con la consueta relazione di apertura in cui ha dettagliatamente descritto le attività istituzionali, promozionali e assistenziali offerte da ANVE per poi proseguire con i saluti istituzionali di Giacomo Carreras, presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Bari e co-organizzatori del convegno, Angela Bellino, vice presidente del Collegio territoriale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati di Bari e Bernardino Lattarulo, presidente Commissione gestione separata Periti Agrari presso EMPAIA.

Successivamente si sono tenute le sessioni tecniche: Alessio Almoto, coordinatore commissioni tecniche del Consorzio italiano di Co-riassicurazione contro le calamità naturali in agricoltura, ha esposto le funzioni del Consorzio il quale trova la sua collocazione all’interno di ISMEA ed investe nello sviluppo di progetti pilota di assicurazioni innovative. Per tale motivo Almoto ha altresì esposto, in via prelimiare, gli sviluppi di un importante progetto sperimentale per la creazione della polizza assicurativa a copertura dei danni fitopatologici. Le malattie delle piante interessate da tale progetto sono quelle ammesse dal Piano Assicurativo Agricolo Nazionale 2018 (PAAN) come, ad esempio, batteriosi, virosi, punteruolo rosso, tarlo asiatico, cinipide del castagno e molte altre che determinano danni, spesso incalcolabili e difficilmente recuperabili, alle colture vivaistiche.

Tale progetto sarà sviluppato in collaborazione con ANVE e rivolto in esclusiva agli associati.

In chiusura si è tenuta la seconda sessione tecnica con l’intervento di Alberto Manzo e Donato Boscia. Il primo, in qualità di coordinatore del Tavolo tecnico della filiera florovivaistica istituito presso il MIPAAF, ha descritto le attività in essere come quelle sui CAM (Criteri Ambientali Minimi) e i risultati raggiunti nell’ambito delle linee guida per la formazione obbligatoria dei manutentori del verde. Manzo ha inoltre descritto le attività precedenti tra cui la predisposizione dei nuovi codici doganali per le piante ornamentali (supportati da ENA – European Nurserystock Association) e la conclusione del progetto pilota sulle certificazioni che ha poi visto la fondazione dell’Associazione Nazionale di tutela del Marchio VivaiFiori.

Donato Boscia ha invece esposto gli aggiornamenti sull’emergenza Xylella fastidiosa anche alla luce della nuova delimitazione della zona cuscinetto in Salento. L’emergenza continua a destare preoccupazione nel mondo della ricerca scientifica ma soprattutto tra i produttori florovivaisti in quanto non sempre le leggi di riferimento nazionali ed europee vengono sufficientemente applicate.

L’intero convegno è stato moderato dal socio e past president Marco Cappellini il quale, conoscendo molto bene il prodotto assicurativo in questione, ha saputo dare ottimi spunti e stimolare il dibattito.

A conclusione dell’interessante mattinata, sono stati assegnati i Premi di Laurea “Stefano Capitanio” a:

Sara d’Aleo,  Università degli Studi di Pisa, dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali, corso di laurea magistrale in “Progettazione e gestione del verde urbano e del paesaggio”. Titolo della tesi: Orti Urbani. Progetto di riqualificazione dell’area verde urbana “La Prada” nel Comune di Carrara.

Priscilla Farina: Università degli Studi di Pisa, dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali, corso di laurea triennale in “scienze agrarie”. Titolo della tesi: Le specie alloctone recentemente introdotte in Italia: il caso di Popillia japonica (Coleoptera Scarabaeidae)